domenica 2 agosto 2009

Latte di mandorla


Il latte di mandorla è uno dei prodotti agroalimentari tipicamente italiano.
Buonissimo e dal sapore inconfondibile rappresenta, per noi meridionali, la bibita estiva per eccellenza!
Servito ghiacciato costituisce una bibita dissetantissima, a colazione, magari macchiato con del caffè, un'alternativa golosa e fresca al classico cappuccino.

Spesso viene sottovalutato come una validissimo sostituto del latte, ideale per chi ha delle intolleranze al lattosio per via del suo ricco valore energetico e nutrizionale:
ricco di acidi grassi polinsaturi, calcio, magnesio, fibre e vitamine, sostanze antiossidanti estremamente utili per la prevenzione cardiovascolare.
Quindi oltre ad essere buonissimo, fa bene anche alla salute!

La mia nonna come sempre la sapeva lunga!
Le merende che lei preparava a noi nipoti durante gli afosi pomeriggi d'estate erano proprio biccheroni di latte di mandorla accompagnati da tozzetti di pane raffermo, rigorosamente preparato in casa.
Pezzi di pane tagliati in maniera precisa e messi in fila, sistemati su di un vassioietto coperto da un tovagliolo bianco, belli da vedere ed invitanti quanto i più bei biscotti glassati da inzuppare!
Il sapore di quel pane zuppo di latte di mandorla lo ricordo ancora, così come i nostri musetti gocciolanti... impossibile dimenticarlo!
Non penso che mia nonna conoscesse bene le proprietà nutrizionali delle mandorle, ma aveva cresciuto bene una famiglia numerosa con pochi soldi a disposizione, con ciò che passava il convento e come tutte le nonne, sapeva cosa fosse giusto o sbagliato senza chiedersi troppi perché!
Non sapeva che in quella merenda apparentemente povera ci stava dentro tutto ciò che oggi noi ricerchiamo per i nostri bambini: alimenti sani, biologici e privi di conservanti!

Oggi è facile degustare un bicchiere di latte di mandorla anche se non siete Pugliesi, Campani, Calabresi o Siciliani:
Basta andare al supermercato e comprare uno di quei brick pronti da aprire e versare o uno di quei panetti da sciogliere nell'acqua.
Un consiglio: se lo avete assaggiato preparandolo con uno di quegli sciroppi con cui si preparano i classici bibitoni estivi e non vi è piaciuto, sappiate che quelli non ricordano minimamente il sapore dell' originale.

Se invece volete prepararlo in casa potete avvalervi di 2 metodi ma la cosa fondamentale, in entrambi i casi, è usare delle mandorle fresche a cui avrete tolto la pellicina o in alternativa mandorle secche ma sbollentate per qualche minuto per farle rinvenire e togliere facilmente la pelle.

Infusione a freddo
Si tritano o ancora meglio si pestano le mandorle finemente e si raccolgono in un canovaccio a trama fine insieme a dello zucchero.
Solitamente nelle proporzioni 2/3 di mandorle e 1/3 di zucchero.
Il canovaccio si mette in infusione dentro dell'acqua fredda per circa 6 ore e si strizza bene in modo da farne uscire il succo.
L'infuso cosi' ottenuto va poi messo in bottiglia e diluito con altra acqua secondo i vostri gusti.

La pasta di mandorla
Da non confondersi con il marzapane o pasta reale vista la completa assenza di albume nell'impasto o con le paste di mandorla, cioè i tipici biscottini da forno.
Questo è il metodo che più preferisco per preparare in maniera più pratica e veloce un buon latte di mandorla... e non solo!


Per un panetto di 1 kg di pasta di mandorla
( 4 litri di latte di mandorla)

500 gr. di mandorle pelate fresche ( se secche e con la buccia prima sbollentate)
500 gr. di zucchero
2 mandorle amare

Mettere nel mix le mandorle e frullatele finemente fino a ridurle in polvere.
Aggiungere pian piano lo zucchero, fino ad attenere una pasta molto dura (solo se la pasta risulta difficile da lavorare, aggiungere un cucchiaio di acqua naturale o di fiori d'arancio).
Lavoratela per circa 15 mnuti sul piano spolverizzato di zucchero a velo fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

Il panetto così ottenuto e avvolto nella pellicola si mantiene in frigorifero per settimane.
Per preparare un litro di latte di mandorla basta tagliarne una grossa fetta, 250 gr. circa e scioglierlo in una ciotola con l'acqua con l'aiuto di una forchetta.
Allungare con altra acqua o aumentare la quantità di pasta secondo i vostri gusti.
Prima di passarlo dentro la bottiglia potete filtrare, anche se io preferisco non farlo, e agitare semplicemente la bottiglia prima di consumarlo.

Con questa stessa pasta è possibile preparare la granita di mandorle o il famoso bianco mangiare alle mandorle o gelo.

11 commenti:

Nanny ha detto...

Adoro il latte di mandorla,appena qualcuno ritorna da un viaggio in Sicilia è obbligato a portarmi un panetto di pasta di mandorla.Hai proprio ragione ,non ha nulla a che vedere con gli sciroppi che si usano per le bibite,non c'è paragone.

Gambetto ha detto...

Gran bel post. Bellissimo da leggere e da annotare per l'aspetto della preparazione. Grazie per la condivisione dei tuoi ricordi e della tua abilità in cucina. Buona giornata ed alla prox

cinzietta ha detto...

bedda! pur essendo sicula, non mi sono mai cimentata nella preparazione del latte di mandorla.
Ho della splendida farina di mandorle. Posso partire con quella?

marjlet ha detto...

Cinzietta@
Direi di si... considera pero' che le lame del mix fanno uscire l'olio delle mandorle e riscaldano scioglindo lo zucchero, questo farà ottenere l'impasto senza aggiungere liquidi (soprattutto se le mandorle sono fresche ed hanno acqua loro).

Partendo da una farina, ad intuito, procederei come per la pasta reale, mischiando in una ciotola farina e zucchero a velo e aggiungendo acqua qb per ottenere un impasto molto sodo.
Non esagerare con l'acqua perchè rischi che il panetto in frigo trasudi.

luna ha detto...

Da sicula amo anch'io il latte di mandorla E la tua ricettina è ideale per prepararselo da sè!
complimenti per l'idea!

Dolcienonsolo ha detto...

Questo mi piace tantooooooooooooooo!

sweetcook ha detto...

Come sempre i tuoi post sono utilissimi! Verso il latte di mandorla ho avuto sempre una certa diffidenza, forse perchè, quando anni fa lo assaggiai lo trovai troppo dolce. Mi sa che dovrei dargli una seconda possibilità :))
Bacioni:)

marjlet ha detto...

Luna, Dolcienonsolo@
grazie!

sweetcook@
Si secondo me devi!:)
E poi puoi diluirlo secondo i tuoi gusti... spesso basta mettere del ghiaccio per farlo diventare meno dolce!

paolaotto ha detto...

Per mandorle amare intendi non pelate?
Brava, davvero molto brava...passa da me a ritirare un pensiero, è un ringraziamento per tutte le belle cose che fai e che ci trasmetti. Un bacio, paola

Simona ha detto...

Mi piace tantissimo il latte di mandorla, lo alterno spesso a quello vaccino insieme al latte di avena o riso. Però questo è il migliore in assoluto! Lo compro biologico, non ho mai provato a prepararlo a casa!

marjlet ha detto...

Paolaotto@
Per mandorle non pelate intendo quelle con la pellicina scura.
Grazie :)

Simona@
Si penso pure io che tra i latti vegetali sia il migliore in assoluto!